www.uilter.it
Sito ufficiale della Unione Italiana Libero Teatro EmiliaRomagna
HomeLe CompagnieContattaciAccesso

foto spettacolo non ancora disponibile
La Mandragola
di liberamente tratta da Nicolò Machiavelli
regia di Alvaro Evangelisti
Compagnia: QUINTE MUTEVOLI

domenica 2 luglio 2017 ore 21:30 - Chiostro di S. Francesco Cesena

con
Carla Navacchia, Rita Prati, Barbara Morigi, Mariacristina di Iorio,Terzo Lucchi, Vilma Giorgini, Matteo Borghetti, Pamela Faggi, Massimo Spada, Marco Magnani, con la regia di Alvaro Evangelisti.
La Mandragola
Liberamente tratta dalla commedia di Nicolò Machiavelli rivisitata dal maschile al femminile dal regista Alvaro Evangelisti. La storia si svolge a Firenze nel 1504. Callimaca è innamorata di Lucrezio, marito della sciocca dottoressa in legge Nicia. Con l'aiuto della serva Sira e dell'astuta amica Liguria, Callimaca, in veste di famosa dottoressa, riesce a convincere Nicia che l'unico modo per avere figli sia di somministrare a suo marito una pozione di mandragola (da qui il titolo della commedia), ma la prima che avrà rapporti con lui morirà. Liguria trova presto una geniale soluzione: a morire sarà una semplice popolana, cosa che tranquillizza parzialmente Nicia, la quale resta comunque perplessa, visto che qualcuno dovrà giacere con suo marito. Naturalmente Liguria ha pensato all'amica Callimaca, che spasima per Lucrezio: infatti non vi sarà nessuna popolana come vittima predestinata, bensì sarà la stessa Callimaca a travestirsi da tale. In una famosa e molto divertente scena, la popolana-Callimaca viene colpita e portato a casa di Nicia, e poi infilata nel letto insieme a Lucrezio. Questo, che nel frattempo è stato convinto a consumare il rapporto adulterino da fra' Timoteo, accetta, e nel momento in cui scopre la vera identità di Callimaca, acconsente alla fine a diventare suo amante. Dopo la notte degli inganni, , Callimaca ottiene dall'inconsapevole Nicia, il permesso di abitare in casa sua e quindi di godere, non vista, delle grazie di Lucrezio.


foto spettacolo non ancora disponibile
La commedia degli errori
di William Shakespeare
regia di Alvaro Evangelisti
Compagnia: QUINTE MUTEVOLI

ore 21:00 - chiostro S. Francesco Cesena
venerdi 10 giugno 2016 ore 21:30 - Chiostro di S, Francesco Cesena

con
Denis Presepi, Terzo Lucchi, Rita Prati, Cristina Piddiu, Rosina Biondo, Vilma Giorgini, Elisa Camillini, Azzurra Urna, Carmela Latino,Fabrizio Nori, Marco Magnani, assistente Silvia Santini, Luci audio Andrea Romito, scenografia Alvaro Evangelisti, costumi Azzurra Urna.
Il commerciante di siracusa Egeone viene arrestato ad Efeso e racconta ad Egeone le sue vicissitudini,tra le quali il suo naufragio di parecchi anni prima, insieme a sua moglie e i suoi figli ( due gemelli tra loro perfettamente uguali e chiamati entrambi Antifolo ),ed una coppia di servi ,anche essi omonimi e gemelli chiamati Dromio ) . Nel naufragio scompaiono sua moglie,un figlio ed un servo. una volta cresciuti Egeone ha accordato ad Antifolo ed a Dronio la facolta' di partire per Efeso ,al fine di rintracciare i rispettivi gemelli,purtroppo anche dei due non si ha piu' notizia. Rimasto solo ,cosi', Egeone parte alla loro ricerca,venendo arrestato a e condannato a morte a causa dei pessimi rapporti tra le citta' di Efeso e Siracusa. Solino si commuove al racconto dell'anziano Egeone, e rimanda la sentenza ,dando tempo ad egeone di riscattare la sua vita. Il ritrovarsi dei gemelli dara' vita ad una divertente farsa ,che si concludera' felicemente col ricongiungimento di Egeone con sua moglie e ed i suoi figli,ed il matrimonio tra antifolo di Siracusa e Luciana.


foto spettacolo non ancora disponibile
Vizio di famiglia
di Edoardo Erba
regia di Alvaro Evangelisti
Compagnia: QUINTE MUTEVOLI

ore 21:00 - Chiostro di S. Francesco Cesena

“ Vizio di famiglia” di Edoardo Erba
regia Alvaro Evangelisti
Compagnia Teatrale Quinte Mutevoli di Cesena
con
Rosina Biondo - Elisa Camillini - Rita Prati - Denis Presepi - Azzurra Urna.
Delusa da esperienze sentimentali negative, una donna decide di affittare una famiglia per passarci le vacanze. Entra in un'agenzia dove un abile venditrice riesce a darle in affitto una famiglia normalmente orribile. Dopo un giorno di permanenza in casa la poveretta chiede all'agente di chiudere il contratto. Ma ormai non si può più, perchè nell'entusiasmo di compilare il prestampato, la donna ha firmato per dieci anni.
 


foto spettacolo non ancora disponibile
Le donne gelose
di Carlo Goldoni
regia di Alvaro Evangelisti
Compagnia: QUINTE MUTEVOLI

ore 21:30 - Cesena chiostro di S. Francesco

" Le donne gelose " di Carlo Goldoni con la regia di Alvaro Evangelisti.
con
Barbara Morigi – Denis Presepi – Terzo Lucchi – Rita Prati – Vilma Giorgini – Carmela Latino – Pamela Faggi – Marco Magnani – Fabrizio Nori – Stefania Funzione – Rosina Biondo.
Una giovane vedova Lugrezia, suscita le invidie e le maldicenze di altre donne nella realtà sociale della Venezia del settecento. Boldo è un borghese, di professione orefice, allevato alla scuola dei "rusteghi", un po' troppo svelto di mano con la moglie, ma non privo di bonarietà; nel lotto vede la possibilità di risollevare le proprie sorti e dar nuovo impulso al suo mestiere che attraversa un periodo di stanca. La moglie Giulia, effervescente e ancora "in gringola", sarebbe pronta, a parole, a pregustare una vedovanza tranquilla, purché allietata dai tanto bramati "bezzi", ma proprio non tollera di esser presa in giro dal marito. Todero è un merciaio, il classico giocatore incallito e sfortunato, si trascina, vittima del suo vizio, tra lati e bassi sui tavoli del Ridotto ed è costantemente in bolletta. La situazione precipita e si fa incandescente, alimentata ancor più dal sospetto, dalle maldicenze e dalla gelosia.
Le mogli decidono, a questo punto, di affrontare la presunta rivale in un duello dai sorprendenti risvolti ed effetti pirotecnici, ma nel pacioso mondo goldoniano non scorre mai sangue, il vero trionfa, la verità viene sempre a galla e, dopo uno scoppiettante gioco di sottili equivoci e malintesi, si ristabiliscono i naturali rapporti: le donne "di garbo" riconquistano il loro onore infangato e i "bezzi", quando son frutto di oneste transazioni economiche, fanno scordare i lividi e le busse e sono, in questa povera umanità con le sue passioni e le sue lacrime, pur sempre benedetti e accettati come un segno di celeste benevolenza. Ma Lugrezia saprà tenere a bada le rivali?
 


UILT Emilia Romagna

autore: Nicola Fusillo